Cosa sono le yoga e il pilates

Lo yoga e il pilates sono due differenti discipline che presentano però alcune somiglianze. Per approfondirle occorre prima analizzare ognuna di essa in maniera più dettagliata.
Lo yoga viene visto un esercizio fisico utile per contribuire ad allungare i muscoli ma non è solamente questo. Si tratta infatti di una scienza nata ormai 5000 anni fa in India e al suo interno contiene pratiche mentali, fisiche e veri e propri esercizi legati alla respirazione.
Inizialmente lo yoga veniva pratico solamente in India, grazie all’aiuto offerto da discepoli, maestri e alcuni libri specifici.
Durante il corso gli anni qualcosa sembra però cambiare e la disciplina in questione inizia a diffondersi anche tra i paesi occidentali.
Oggi sono davvero tantissime le persone che praticano yoga in tutto il mondo.
Piuttosto simile si presenta il pilates. Questa pratica atletica è nata esattamente all’inizio del ‘900 per mezzo del contributo preposto da Joseph Pilates. L’uomo, stanco di eseguire sempre i classici allenamenti che richiedono resistenza fisica e forza, iniziò a studiare con attenzione le attività orientali e in particolar modo lo yoga proprio per trovare una soluzione a tutti quei ballerini infortunati che non potevano più liberamente fare sport.
Riuscì così a dare vita alla forma di fisioterapia che incorpora il meglio delle due discipline: la resistenza e la forza del territorio occidentale e la rilassatezza e la calma di quello orientale. Proprio da questa combinazione è nato il pilates con l’obiettivo di proporre esercizi mirati per migliorare lo spirito e rafforzare il fisico.

Come si praticano lo yoga e il pilates

Attualmente vi sono davvero moltissime tipologie di yoga ed ognuna di essa presenta le proprie caratteristiche. Nello specifico alcune varietà si presentano più dinamiche come ad esempio il Power Yoga oppure l’Ashtanga mentre altre più statiche e meno fisiche.
Nonostante vi siano quindi molteplici classificazioni, vi sono dei principi che vanno sempre mantenuti.
In particolar modo gli asana rimangono invariati e a cambiare è soltanto il tempo relativo alle sequenze da effettuare e all’utilizzo o meno di supporti.
Negli esercizi di pranyama il discorso non cambia anzi l’attività da compiere è pressoché la stessa.
Le persone che praticano pilates, pensano che lo yoga sia una disciplina non fisica ma solamente spirituale quanto in realtà non è così.
D’altronde l’obiettivo dello yoga è concentrato sulla liberazione, sul risveglio e sull’illuminazione ma al suo interno vi sono ugualmente vere e proprie esercitazioni.
Stando a quanto affermato dallo yoga inoltre le persone si trovano spesso in uno stato mentale limitato, costernato dall’ignoranza e dall’offuscamento, dal quale ci si può allontanare attraverso l’aiuto di pratiche precise.
La pratica della yoga può venire definita così come una vera e propria forma di meditazione dinamica che ha l’obiettivo principale di riuscire a far aumentare la concertazione. Lo scopo di questa disciplina è appunto quello di predisporre il fisico a sedersi a terra e a seguire una serie di asana.
Al contrario il pilates è una pratica fisica molto dinamica in cui vengono eseguiti precisi esercizi per rafforzare il centro del corpo. Si cerca soprattutto di riequilibrare e dare maggior vigore ai muscoli presenti nell’addome, sulla colona vertebrale e sulla parte bassa della schiena.

Principali differenze fra lo yoga e il pilates

Le principali differenze che intercorrono tra lo yoga e il pilates partono dalle origini. Lo yoga infatti insieme a tutte le sue tecniche è nato più di 5000 anni in India ed è giunto fino ad oggi per mezzo della tradizione orale che avviene tra discepolo e maestro. Il pilates invece si sviluppa verso il ‘900 grazie a Joseph Pilates e le varie attività vengono perfezionate negli anni ’50.
E’ possibile affermare comunque che per raggiungere un preciso obiettivo dal punto di vista fisico e mentale, entrambe si presentano come ottime soluzioni. Solamente dopo qualche settimana sarà possibile notare un miglioramento per quanto concerne l’elasticità, della tonificazione del corpo e della forza.

Lo yoga però riesce ad offrire un maggiore equilibro per quanto concerne la salute mentale per via delle tecniche di respirazione e psicofisiche che vengono attuate. Proprio tali esercitazioni aiutano a superare lo stress, calmare la mente e ad allontanare attacchi di panico e ansia, ormai disturbi sempre più frequenti soprattutto nei giovani.
Nonostante questo però occorre precisare che l’esercizio fisico riesce ugualmente a far trarre importanti benefici alla mente e per tale ragione anche il pilates contribuisce a far diventare la mente più serena.
Un’ulteriore differenza fra le due discipline può essere rinvenuta infine dal fatto che lo yoga presenta una specifica filosofia da rispettare, portare e studiare quotidianamente insieme alla meditazione, appunto perché è nata come disciplina spirituale.

Qual’è tra lo yoga e il pilates la disciplina più adatta per te

Capire quale sia la disciplina tra lo yoga e il pilates che faccia più al proprio caso non è sempre facile. Entrambe le attività presentano infatti una scopo ben preciso ovvero quello di riuscire a far star meglio una persona.
Le differenze che intercorrono tra di esse possono comunque portare a compiere una scelta.
In via definitiva potrebbe rivelarsi utile porsi alcune domande specifiche come ad esempio: cosa si vuole ottenere praticando questo sport, cosa si preferisce praticare e se il proprio obiettivo è quello di tonificare o di rilassare il corpo.
Nel primo caso se si desidera avere un fisico più flessibile per sentirsi meglio principalmente con la conformazione che si presenta, l’opzione migliore ricade sicuramente sul pilates, soprattutto perché viene considerato a tutti gli effetti uno sport completo.
Se al contrario invece insieme alla pratica sportiva si volesse ricercare un equilibrio a livello mentale per migliorare la vita sotto diversi aspetti, la soluzione ideale sarebbe quella di iniziare a fare yoga.
Occorre precisare inoltre che lo yoga non ha bisogno di nessun attrezzo per poter essere praticato in quanto richiede soltanto un tappetino e un’attenta concentrazione mentre il pilates assomiglia molto alla palestra o alla ginnastica visto che necessita di palle, roller, cerchi e macchinari.
Per capire quale sia la disciplina più adatta occorre così solamente riflettere su se stessi e su cosa si ha bisogno, per poi prendere la decisione più in linea con le singole esigenze.